Ciao, sono Alfredo, trader professionista e proprietario del sito Edilbroker.it e in questo approfondimento voglio parlarti di un problema che l’80% dei principianti non sa gestire opportunamente.

Di che si tratterà mai?

Ti voglio parlare della selezione dei titoli finanziari su cui investire e, in particolar modo, del perché XM non è un broker che ti permette di farla nel migliore dei modi. Non fraintendermi: non sto dicendo che si tratta di un pessimo broker: ho aperto un conto su XM e mi ci sono trovato anche bene.

La piattaforma presenta tutte le licenze di trading necessarie ad operare nell’Unione Europea e le sue condizioni di trading sono nella media: il problema sta nel relazionare tutto questo con le necessità che un principiante si trova ad affrontare.

È per questo motivo che ti consiglio di prestare particolare attenzione alla mia recensione della piattaforma: tra le tante opinioni che circolano sul web su XM, infatti, nessuna mette in evidenza le problematiche che un principiante si troverà ad affrontare. Sai perchè?

Perché nessuno di quelli che te ne parla ha realmente impiegato XM per fare investimenti reali. Come puoi valutare la convenienza di una piattaforma senza dati oggettivi? Ti consiglio, dunque, di leggere attentamente il mio resoconto e quanto ho da dirti.

La mia esperienza con XM: a chi si rivolge il broker?

Come ti ho detto, ho aperto un conto su XM. Mi ci sono trovato anche molto bene: come il broker afferma nel proprio sito, infatti, la maggior parte degli ordini che ho realizzato hanno presentato tempi di esecuzione sufficientemente rapidi (la media, stando alla mia esperienza, è di 0.7 secondi).

Ho apprezzato il fatto che il broker permette ai suoi clienti di investire con la MetaTrader4 e 5, a mio parere le migliori piattaforme di investimento al mondo, e che l’offerta formativa è discretamente utile.

Niente per cui fare i salti di gioia, non fraintendermi, ma almeno le informazioni comunicate sono utili.

Dopo qualche mese (e profitti soddisfacenti), ho deciso di chiudere il mio esperimento. La domanda di prelievo dei fondi è andata a buon fine e, sebbene abbia presentato tempistiche non entusiasmanti, non ho riscontrato nessuna brutta sorpresa.

Il broker, dopo tutto, si rivolge ad una fascia di investitori ben precisa: gli speculatori sui titoli azionari.

Ma perché dici questo, Alfredo? XM offre anche altri titoli!

Ovvio, ma la disparità tra il numero di asset azionari e altri titoli finanziari è smisurata: si parla di 1300 azioni, circa, contro meno di 100 CFD in Forex, indici e materie prime. Ora, presta attenzione: ho detto Forex, indici, materie prime e azioni.

Manca qualcosa?

Il problema di XM: dove sono gli ETF? Dove sono le criptovalute?

Ed ecco che ci ricolleghiamo a quanto ti avevo anticipato all’inizio. Il problema di XM è che è troppo selettivo verso gli investitori a cui si rivolge. Al punto tale da trasformare tutto questo in un enorme svantaggio per i principianti.

Lascia che mi spieghi al meglio e dai un’occhiata a questa immagine.

Bitcoin a confronto con S&P500
non permettere di investire in criptovalute è follia pura

Ho messo a confronto l’andamento del Bitcoin con quello del S&P500, ovvero l’indice di Borsa di riferimento per la valutazione dello stato di salute del mercato azionario. Noti qualcosa?

Guarda meglio: nell’arco di un anno le oscillaizoni significative del S&P500 sono poche, di scarsa entità e distribuite su intervalli di tempo medi (solitamente uno o più mesi).

Al contrario il Bitcoin presenta variazioni violente e importanti che durano anche pochi giorni. Sai cosa significa?

Che facendo trading azionario ti ritroverai ad affrontare periodi favorevoli e momenti di calma piatta, durante i quali chiudere operazioni con ritorni superiori all’1% sarà davvero un’impresa.

Al contrario, operando con i CFD sui Bitcoin, potrai garantirti investimenti potenzialmente proficui durante gran parte dell’anno.

E per gli ETF?

Nell’immagine sottostante ho fatto una procedura simile, confrontando l’S&P500 con un ETF a cui sono particolarmente interessato: iShare Global REIT ETF. Vedi la differenza di performance?

S&P500 a confronto con iShare Global REIT
Migliori performance aumentano le chances di maggiori profitti

Quindi XM ti priva da un lato di una classe di assets veloci e volatili (le criptovalute) e dall’altro di un’altra classe di assets, più stabili ma a rendimenti costanti (gli ETF). E per quale motivo? Per permetterti di investire in oltre 1300 azioni?

L’errore di XM: a+a non è uguale a b+a

No, non voglio trasformare questa recensione in una reminiscenza di algebra, ma farti capire qual è il grave errore commesso da XM. Se investi in due azioni diverse, stai diversificando il tuo portafogli?

Se la tua risposta è sì, allora non hai capito molto sulla diversificazione. Prendi ad esempio il tuo portafogli fisico, e ipotizziamo che tu lo voglia diversificare. Cosa fai?

  1. Suddividi il tuo denaro in vari tagli di banconote e monete (1€, 2€, 5€, 10€, etc.);
  2. Diversifichi il tuo denaro in diverse valute e diversi tagli di banconote (quindi non solo euro ma anche dollaro, sterlina, franco, etc.);
  3. Dividi il tuo capitale in varie e diverse forme: contante, carta di debito, carta di credito, buoni spesa, buoni pasto, buoni lavoro, vaucher, etc.;

Ebbene, solo in quest’ultimo caso stai realizzando una diversificazione veramente efficace in quanto sei premunito contro ogni evenienza. Un negozio che non accetta contanti? Bene, hai le carte. Un alimentari che non ha resto e non accetta carte? Bene, hai i buoni pasto.

XM, invece, ti propone un metodo di diversificazione simile al punto 2. 1300 azioni tra europee, americane, asiatiche e chi più ne ha più ne metta.

Risultato?

Crash di Marzo 2020: il 90% dei titoli azionari crolla e inizia a riprendersi solo dopo un semestre. Questo significa che TUTTE le tue posizioni long sarebbero andate in perdita e forse, FORSE, avresti avuto la possibilità (e lucidità) necessaria a recuperare le perdite con gli short da giugno in poi (gli short, infatti, sono stati bloccati fino a fine Maggio).

Questo perché XM ti permette di fare solo a+a: ovvero una finta diversificazione acquistando asset diversi ma appartenenti allo stesso mercato.

Fai vera diversificazione e salva il tuo portafogli: lascia perdere XM

Ora, specialmente agli inizi non ti servità a nulla avere a disposizione un’offerta che si specializza sulle azioni. Quello che ti servirà, invece, è una proposta di titoli completa di tutti i mercati anche se non estremamente dettagliata.

Spiegami a che ti serve poter operare sulle azioni della Banca del Pireo (👎🏻) se allo stesso tempo non ti viene permesso di investire in Bitcoin? Si tratta semplicemente di uno scambio poco vantaggioso.

Il goal di una vera diversificazione non è quello di puntare a titoli diversi ma di diversificare il rischio. Ridurre la possibilità che un evento imprevisto possa portare al crollo dei propri investimenti in quanto correlati tra loro. Per questo è necessario programmare investimenti con tempistiche, strumenti e asset diversi.

Un professionista può benissimo riuscire a farlo sul mercato azionario, ma la possibilità è diversa dalla realtà: la maggior parte dei pro, infatti, diversifica anche su più mercati.

Ecco perché ti consiglio di non iniziare la tua esperienza di trading su XM ma di rivolgerti ad un broker maggiormente attento ai rischi che un principiante corre nel fare trading online.

L’alternativa a XM che ti aiuta nella diversificazione del tuo portafogli

L’alternativa che ti voglio consigliare è ForexTB, un broker con il quale opero da anni e con ottimi risultati. “Perché pensi che ForexTB sia adatto ai principianti?”

Semplice: la piattaforma non solo ti permette di sfruttare la migliore formazione finanziaria in circolazione, messa a disposizione gratuitamente dei suoi clienti una volta ultimata la registrazione.

A questo si aggiunge la vera ciliegina sulla torta: i segnali di trading.

Penso che nessuno strumento possa essere tanto utile ad un principiante quanto i segnali di trading di ForexTB. Di per sé si tratta di notifiche che ti avvisano delle varie opportunità di mercato e che hanno allegate brevi analisi sull’asset in questione.

La loro forza sta nel fatto che vengono comunicate tempestivamente e che ne puoi ricevere più di una al giorno. Agli inizi sono circa 7 i segnali quotidiani gratuiti, dopodiché, man mano che il livello dei propri investimenti cresce, se ne riceveranno più (attualmente io ne ricevo oltre 14 al giorno).

I segnali di trading di ForexTB non riguardano un solo mercato e questo ti permette di diversificare molto facilmente il tuo portafogli. Questo anche perché, diversamente da XM, la piattaforma che ti sto consigliando ti mette a disposizione anche 41 criptovalute su cui operare.

Che stai aspettando? Clicca qui: www.forextb.com/segnali-trading-gratis e inizia ad investire fin da subito con una gestione ottimale del portafogli e una vera diversificazione delle operazioni.

Fidati, mi ringrazierai non appena l’80% dei principianti inizierà a perdere soldi per il prossimo crollo di Borsa e tu, invece, avrai ancora un conto in verde e pienamente operativo.